DARIO LOISON

Loison Pasticceri non si accontenta di ingredienti comuni,
ma seleziona prodotti di nicchia, spesso Presidi Slow Food.

Quali sono la storia e le origini che hanno dato vita al vostro brand?

“La storia di Loison Pasticceri ha inizio nel 1938, quando nonno Tranquillo avviò l’attività. Tuttavia, la sua vera origine risale a qualche anno prima, nel 1934, quando operava un forno a legna per la panificazione a Motta di Costabissara. In quel periodo, il pane rappresentava un alimento essenziale, ma con il tempo la richiesta di dolci più gustosi aumentò. Fu così che nonno Tranquillo iniziò a produrre le prime focacce arricchite con fichi ed uvetta, rispondendo alle esigenze dei suoi clienti”, racconta Dario Loison.

Quali sono gli elementi distintivi che caratterizzano i vostri prodotti come veramente autentici del Made in Italy?

“Loison Pasticceri non si accontenta di ingredienti comuni, ma seleziona prodotti di nicchia, spesso Presidi Slow Food, come il Mandarino Tardivo di Ciaculli, il Pistacchio di Bronte e la Vaniglia Mananara del Madagascar. La loro quantità limitata li rende poco accessibili alle grandi industrie, ma perfetti per la produzione artigianale di Loison. L’artigianalità in Loison si estende oltre che nella selezione degli ingredienti, anche sui processi di produzione: la digitalizzazione tocca sì diverse fasi ma l’automazione è compensata da un intenso intervento umano (e da un’alta incidenza del costo-lavoro). Loison adotta inoltre cicli di lavorazione di 72 ore per preservare i sapori e mantenere intatte le qualità organolettiche dei  prodotti lievitati”.

Quanto incide il concetto di italianità in Italia? E all’estero?

“L’importanza della tipicità e del concetto di italianità è basilare sia in Italia che all’estero. Per noi, il Made in Italy rappresenta un valore indispensabile, rafforzato ulteriormente nel nostro marchio, che ne sottolinea l’autenticità e l’eccellenza “The taste of Italy – Made in Italy”.

Cosa crede contraddistingua il gusto e la produzione italiana rispetto al mercato estero?

“In Italia, il Panettone è regolamentato da precise normative che richiedono l’utilizzo di ingredienti di alta qualità come il lievito madre, il burro, lo zucchero e le uova fresche di categoria A… Al contrario, all’estero, il Panettone può essere preparato con margarine e una varietà di oli e grassi, risultando un prodotto che non può essere paragonato a quello italiano. È importante sottolineare che, senza lo zucchero, il prodotto non può essere considerato un vero Panettone in Italia”.

Come cercate di contribuire a portare nel resto del mondo il gusto, lo stile e la qualità tipicamente italiani?

“Il gusto Loison è identificabile attraverso vari elementi, e i nostri clienti lo riconoscono e apprezzano il nostro stile distintivo. Garantiamo qualità negli ingredienti, precisione nei processi di produzione, cura nel packaging e un servizio al cliente di altissima qualità. Non da ultimo, offriamo un ottimo rapporto qualità-prezzo, un aspetto oggi più importante che mai”.

Quanto conta il posizionamento di marca nel mercato italiano? E in quello globale? 

“Il 97% delle vendite dei nostri prodotti appartiene al segmento premium, destinato a clienti che cercano l’eccellenza del Made in Italy gourmet”.

Come vede il futuro del Made in Italy?

“Se ci concentriamo sulla vera qualità percepita dal cliente e monitoriamo costantemente la sua soddisfazione, non dovremmo mai incontrare problemi nel futuro del Made in Italy. Questo approccio ci permette di mantenere un’elevata reputazione e una forte fiducia da parte dei consumatori, garantendo il successo continuo del nostro marchio”.

La vostra storia e i vostri valori giocano un ruolo fondamentale o marginale in fase di vendita?

“Una storia fatta di 4 generazioni, oltre 85 anni di storia e valori come trasparenza e affidabilità, solo per citarne un paio, sono parte integrante del DNA aziendale e si intrecciano con ogni aspetto del prodotto, dalla scelta degli ingredienti alla comunicazione con il cliente”.

Quanto è importante, in un mondo che tende alla globalizzazione e all’omologazione, mantenere le proprie riconoscibilità e identità?

“Nell’attuale panorama caratterizzato da una crescente globalizzazione e omologazione, la capacità di mantenere una propria riconoscibilità ed identità assume un’importanza strategica, perché permette di distinguersi in un mercato sempre più affollato e omogeneo. In Loison, una solida identità aziendale si riflette anche nel packaging distintivo, caratterizzato da uno stile che ha contribuito a rendere il prodotto meno stagionale svincolandolo dalle festività”.

Italian Good Living

Venice Film Festival

extraordinary lifes